fbpx

Islanda – Dove Tutto Ha Inizio

ISLANDA
Anno 2017

Breve e poetico documentario sull’Islanda. Un viaggio effettuato nel marzo 2017 in Islanda lungo la road one e la penisola di Snæfellsnes.

Director and Photography : Samuele Schiavo
Music : Styve Bolduc
Camera : Lumix GH4 + Go Pro Hero 5
Genere : Documentario poetico

GALLERY

PREMI E RICONOSCIMENTI

Ambiente e Incontri 2017 Sacile – Premio della Critica
20° Mestre Film Fest – Miglior Documentario
Altff – Best Super Short Film
Los Angeles Cinefest Online – Best Photography
Barcelona Planet Film Festival 2017 – Selezione Ufficiale
Tracce Cinematografiche 2018 – Selezione Ufficiale
Rome Elephant Film Awards – Selezione Ufficiale
MedFF 2018 – Selezione Ufficiale
CortiSonanti 2018 – Selezione Ufficiale

DESCRIZIONE

Dalle cascate di Gullfoss, Godafoss e Seljalandsfoss e Skogafoss alla laguna di Jokulsarlon e i relitto dell’aereo dc-3 alla spiaggia di Vik.
Le riprese includono le case con tetto in erba a Byggðasafn skagfirðinga, la Búðakirkja la chiesa lungo la penisola di Snæfellsnes, il geyser Stokkur, la cava di Hálsanefshellir, i geyser di Myvatn, l’arco a Dimmuborgir.
I porti di stodvarfjourdur,fáskrúðsfjörður, akureyri e husavik, il lago vulcanico di Kerið, la sorgente termale naturale di landbrotalaug e il ghiacciao di vatnajökull.
L’aurora boreale è stata ripresa ad Akureyri, Skalafell e ad Egilsstaðir .

 

TESTI DOCUMENTARIO ISLANDA – DOVE TUTTO HA INIZIO

Questa.
E’ l’Islanda.

Questa è poesia.
Questa è una romantica desolazione.
Questa è un’isola surreale.
Vissuta in un solo viaggio.
Terra e sabbia.
Acqua e ghiaccio.
Tra il freddo e il caldo.
Lungo le strade , nel bianco di questo inverno,
emerge in questa luce,
emerge nei colori, la vita, che tenace sa pure divertirsi.

Tra i porti, i pescherecci e le barche
ho gustato questo viaggio.

Ho visto il rovente argento dei fiumi, gelarsi in un solo passo,
per poi esplodere come un vulcano.
E assistere ad uno dei spettacoli della natura.
Una natura fragile
alla presenza dell’uomo.
Una natura primitiva.

Dove tutto ha inizio.

Tra sassi e licheni in quel verde unico.
Ci sono case con tetti in erba.
Nelle infinite steppe chiese solitarie.
Dal silenzio, al gracchiare dei corvi, fino a sentire quel fragoroso scrosciare delle cascate e l’imponente sciabordio delle onde.

E poi, per magia…. lei.